Archivi tag: magazine

Sceen, magazine for digital extravaganza

Sceen

La cultura digitale, come diversi altri settori legati all’innovazione, ha sempre vissuto la dicotomia fra tecnici e accademici, che a volte hanno alzato i rispettivi steccati per riconoscersi e distinguersi. Le presunte sterili contrapposizioni che si

a minima::

a minima::

Stampare una rivista di media art non è un compito facile, dovendosi barcamenare fra tutti i problemi (economici, logistici, distributivi e amministrativi) che la fiorente produzione online salta, invece, a piè pari. ‘A minima::’ è

Make

Make

magazine – O’Reilly Media, Inc. – ISBN 0596100787
Le più seguite riviste per ‘hacker’ (come ’2600′ o ‘Blacklisted 411′) hanno storicamente portato le innovative e spesso geniali tecniche di manipolazione dei sistemi elettronici all’attenzione pubblica,

Make

Le più seguite riviste per ‘hacker’ (come ’2600′ o ‘Blacklisted 411′) hanno storicamente portato le innovative e spesso geniali tecniche di manipolazione dei sistemi elettronici all’attenzione pubblica, emergendo da un underground al quale sono rimaste salutariamente legate,

Free Cooperation

Geert Lovink

Gli ultimi vent’anni di studi sull’organizzazione aziendale e sul relativo efficientismo nella gestione del personale hanno immolato attraverso ricerche e sperimentazioni sul campo ogni principio etico in nome di un possibile aumento del sacro oggetto

Simultaneità

La rivista Simultaneità torna a rivivere in versione interamente in inglese con un numero tematico dal titolo ‘The Soul of Digital Art’. Fondata nel 1997, con specifico interesse sulla new media art e le sue molteplici espressioni,

Telestreet

Qualcuno l’ha prontamente definito un ‘tele-giornale’ e nella sintesi al contrario dei due termini, ossia di un giornale che tratta e mette in scena il movimento delle televisioni di strada, sta la portata di questo numero zero,

p2p fightsharing!

La resistenza mediatica ha evoluto le sue strategie col mutare degli scenari, e questa preziosa raccolta di materiali video riesce a tasta con eccezionale attualità il polso della comunicazione antagonista. Pensata per coincidere con gli incontri esterni