Hogre – Subvertising: The Piracy of Outdoor Advertising

subvertising

Dog Section Press, ISBN-13: 978-0993543524, English, 130 pages, 2017, UK

Il progetto subvertising di Hogre ha recentemente popolato le fermate degli autobus e i manifesti di Londra con grafica accattivante e contenuti radicali. Questa è una documentazione piena di colori, divisa in sezioni dai media alle creazioni (“manifesti”, “sottovetro” oppure progetti sotto il plexiglass alle fermate degli autobus, e “joint enterprise”) con saggi scritti da Andrea Natella e Kay Cameron, e un’intervista di Vyvian Raoul. La pratica di prendere possesso di spazi pubblicitari non è certamente nuova, ma l’uso di illustrazioni sofisticate, disegni e testi, prendendo di mira una sola città con una radicalità consistente, è piuttosto raro. Questo tipo di resistenza culturale (ed anche “crimine artistico” come l’autore afferma) deve essere documentata correttamente proprio per la sua natura di breve durata. C’è una pura qualità poetica in questi interventi, che li rendono paragonabili alla letteratura nella cultura orale, poiché essi accadono e coinvolgono le persone nei brevi momenti dove ci si imbatte personalmente, e si condividono online e offline le storie e le immagini relative. Hogre afferma che la pubblicità è la “forma più diretta della propaganda” nella nostra “dittatura-soft”. Egli osserva quindi l’importanza dell’anonimato in questi tipi di azioni e come questo aiuti ad evitare che l’industria provi a replicare, oppure nel peggiore dei casi che “acquisisca” a un certo punto il linguaggio e la narrativa sovversiva. Infine, il libro (anche disponibile gratuitamente su Issuu) è dotato di una veste ad alta visibilità “crimeset”, che è allo stesso tempo uno strumento e una dichiarazione energica di libertà di intromettersi nella comunicazione dei pubblici spazi, usando un linguaggio di propaganda contro se stesso.

 

a1

 

a2

 

a3