Carsten Nicolai, Anti Reflex

Edited by Max Hollein

Schirn Kunsthalle Frankfurt, ISBN 3883758914
L’eccezionale immaginario personale di Carsten Nicolai ha avuto un ampio riconoscimento nel mondo dell’arte contemporanea, che è riuscita ad interpretare chiaramente i codici usati dall’artista nel manipolare costruttivamente affascinanti fenomeni scientifici disvelandone prospettive acustiche e visive. Nell’omniconprensiva personale che gli ha dedicato la Schirn Kunsthalle Frankfurt è raccolta tutta la sua produzione, storicizzata da questo lussuoso catalogo che senza la minima sbavatura rispecchia l’estetica efficiente e minimale che lo caratterizza (come il pezzo di nastro magnetico usato come segnalibro). Il riconoscimento o ‘estrazione’ visuale di strutture sonore (come in ‘Milch’) o la generazione di strutture geometriche naturali (come in Snownoise), costituiscono due delle diverse direttive di un percorso di ricerca unico che usa la scienza come chiave d’accesso e l’arte come principio filosofico d’approccio. Le interazioni fra i due mondi aprono altrettante prospettive che hanno il loro codice nella ricorsività matematica e geometrica e il loro fascino nella palpabile o udibile commistione concettuale. Nelle opere di Nicolai, quindi, la tecnologia risulta riconoscibile perchè incarnata in una particolarissima luce estetica, scevra di autocompiacimento tecnico o speculativo, ma, al contrario, lampante anche agli utenti novizi.