Riconoscimento del suono muscolare + Subnetwork pubblicitario di Kazaa.

.emusic



03.04.02 Riconoscimento del suono muscolare + Subnetwork pubblicitario di Kazaa.


- Il centro di ricerca della giapponese NTT DoCoMo, ha intrapreso un programma di sviluppo di una tecnologia che permetta alle persone di parlare al telefono senza emettere suoni. Si tratta di un sensore che rileva i segnali provenienti dai movimenti muscolari delle guance e della mascella di un essere umano che parla, e negli ultimi esperimenti i movimenti relativi alla pronuncia delle vocali sono stati riconosciuti al 100 per cento. Oltre alle telefonate la tecnologia potrebbe essere estesa al canto con imprevedibili conseguenze per performer, cori e voci soliste, ma il progetto è ancora agli inizi, visto che gli stessi ricercatori pensano di poterlo completare in non meno di cinque anni. Lo stesso gruppo di ricerca ha anche un altro progetto parallelo in cui trasmette i suoni da un trasduttore legato al polso, direttamente all’apparato uditivo all’interno dell’orecchio. Accoppiando le due tecnologie e unendo un sintetizzatore vocale nelle centrali della compagnia telefonica, potrebbe essere possibile eseguire delle telefonate in completo silenzio.

- I client di Kazaa contengono da tempo nel loro codice un altro client che, attivabile da remoto, può accedere ad un altra rete, formata dalla Brilliant Digital Entertainment, una società di pubblicità online. La nuova rete potrà servire all’azienda per proporre contenuti pubblicitari, o sfruttare le macchine stesse per operazioni di calcolo distribuito. Il tutto, viene garantito, solo dopo l’esplicito consenso dell’utente, ma nella licenza dell’ultima versione del client, scaricato da più di due milioni e mezzo di utenti, si ritrova già l’autorizzazione ad accedere al proprio hard disk. È una svolta minacciosa rispetto al compromesso attuato con gli spyware, programmini che compensavano l’uso gratuito di software con l’esposizione a banner e tracciamento dei propri comportamenti, perchè entra ancora più all’interno dei pc privati con un livello invasivo senza precedenti.