Rechenzentrum – Silence Dvd

Rechenzentrum

DVD – Weiser Music
Sono stati sempre egualmente importanti per i Rechenzentrum immagini e ritmi elettronici. L’uso del video come uno strumento e l’attenzione ad una qualità visiva nella musica rientrano appieno, infatti, in personalissimi sintagmi che – pure ispirati dalle avanguardie storiche lettriste e dada, dalle più contemporanee tecniche cut-upping burroughssiane – sono stati modulati da tensioni spesso assai sintetiche e minimaliste, adesso virati – non senza sorprese – verso un approccio maggiormente organico ed improvvisativo. Le musiche di Marc Weiser (membro anche del Zeitkratzer Ensemble) evolvono adessso languidamente fluide ma sempre inquiete ed un pizzico oscure verso romantiche suggestioni (qualcuno addirittura cita John Wetton, i King Crimson…altri l’onnipresente David Sylvian, che sempre spunta appena l’incedere si fa sognante e fanno capolino ‘pensieri e parole’). Per fortuna sono proprio i video di Lillevan a sottolineare una ben più complessa ispirazione, gli strati multipli del suono, che se è vero si concede ad inedite ‘colloquiali’ assonanze mantiene tuttavia una ben coerente struttura, fatta di texture finemente intrecciate, di tagli glitch’n'cut e melanconiche arie classiche. Estremi che alla fine si ricongiungono, come del resto anche nelle citazioni visive, omaggio (via Tarkowsky) molto astratto ed analitico indirizzato alla memoria del pittore russo di icone Andrej Rublev.