Transmediale 05: BASICS.

neural.it new media art

Si svolge dal 4 all’8 febbraio l’edizione 2005 di, Transmediale, l’imponente festival di media art che si svolge ogni anno a Berlino. Anche quest’anno centinaia d’invitati e un fermento d’attività in tutta la città che ha pochi eguali. Fittissimo il programma, grazie anche alla messe di eventi collaterali gestiti da altre istituzioni, fra cui hack.it.art, ma parte integrante del programma a tutti gli effetti. Ad esempio vi troviamo ‘Banlieue du vide’ di Thomas Koener, vincitore del Golden Nica nella categoria Digital Music del Prix Ars Electronica 2004, che sarà visibile alla GIMA – gallery for international media art, così come ‘Nordic Pioneers’, sui pionieri della computer art in Svezia realizzata dal team di Electrohype e fruibile al [DAM] Digital Arts Museum Berlin. Fra le conferenze si segnalano ‘BASICS of Media Art’ moderata da Mercedes Bunz, sulle possibilità estetiche di un approccio interdisclipinare della media art con Gunalan Nadarajan, Sally Jane Norman e Christiane Paul; ‘BASIC Security’, moderata da Florian Cramer, sulla relazioni fra aspetti culturali, tecnici e politici della sicurezza e sui suoi confini etici, con Konrad Becker, Wendy Hui Kyong Chun e McKenzie Wark; e ‘Re-Thinking Media History’, moderata da Timothy Druckrey, sulla ‘media archeology, ossia la storia delle arti mediali storicamente contestualizzata, con Ute Holl, Julien Maire, David Tomas, Woody Vasulka, Siegfried Zielinski. Fra le moltissime ‘lecture’, invece, troviamo: ‘Freedom of Art and Research’ con Claire Pentecost e Steve Kurtz, ‘net.art generator – Programmierte Verführung‘ con Florian Cramer e Cornelia Sollfrank, ‘Infection as Communication’ con Alessandro Ludovico. Fra le performances c’è anche quella di MichelleTeran: Life: A User’s Manual ‘Berlin Walk’, mentre fra i workshop ci sono quelli di paraSITE, a cura di Michael Rakowitz e Corporate Fallout Detector a cura di James Patten.