On Spam, business proposal – tag urbane

On Spam

Con l’opera “On Spam, Business Proposal” Niels Post documenta con una serie di fotografie l’intervento urbano che ha messo in atto a Brussels. Per questa azione, l’artista ha infatti selezionato alcune delle più efficaci frasi contenute nei messaggi spam di tipo commerciale, di quelle che millantano incredibili e velocissime possibilità di guadagno, le ha stampate su adesivi in vinile e le ha attaccate sulle vetrine di negozi abbandonati o dismessi in giro per la città. Nelle risultanti foto, l’effetto immediato di messaggi così diretti che trionfano su vetrine di ambienti totalmente vuoti è straniante, ma richiama immediatamente l’attenzione. Leggendo infine più scrupolosamente ci vuole poco a svelare definitivamente la provenienza delle singolari insegne. Le strategie comunicative in forma testuale tipiche delle mail di spam sono state oggetto di molte azioni artistiche che hanno utilizzato il loro sibillino appeal. Una decontestualizzazione simile a quella operata da Niels Post è quella di “Spamshirt”: magliette che recavano a mo’ di slogan i tipici “subject” dei messaggi spam, sfruttando la loro tipica incisività e sovvertendo in denuncia un messaggio nato come tentativo di seduzione e inganno. Ma nel caso di “On Spam, business proposal” la trasposizione è più rappresentativa che sovversiva. L’artista non trasforma esteticamente i dati testuali e non ne rovescia per altri fini le sue peculiari caratteristiche. Semplicemente li sovrappone sull’immagine reale che rappresenta l’idea di una mail di tipo spam, un’insegna che invita in un esercizio commerciale inesistente dislocato in un ambiente completamente svuotato. Una messa in scena che nell’attuale situazione di crisi economica è ancora più pungente e beffarda.
Chiara Ciociola