Art in motion II.

Si inaugura oggi a San Francisco la seconda edizione di Art In Motion, festival internazionale di ‘time-based’ media, organizzato dalla University of Southern California School of Fine Arts. Proseguirà fino a sabato con diversi seminari e una mostra con 43 lavori selezionati fra oltre 600 all’interno del tema ‘The Vanishing Author?’, con particolare enfasi, quindi ai lavori che nascondono la mano dell’autore, dando sostanziale controllo all’utente. Fra le opere di net.art presenti nel sito spiccano, ’360 degrees.org’, che in quicktimeVR racconta vicende e celle carcerarie di alcuni giovanissimi reclusi statunitensi e ‘theBot (One Infesting the Horse)’ che con la parola chiave indicata dall’utente effettua immediate ricerche in rete tramite un ‘robot’ software, e ne restituisce i contenuti tramite url e campionamenti testuali in animazione oltre che recitati e remixati da un sintetizzatore vocale.